OLYMPIA AGNONESE – SAMBENEDETTESE 3-3

Ol. Agnonese (4-4-2): Biasella 6; Carpentino 6,5 Maresca 6,5 (57’ Lucarino 5,5) Lattarulo 6,5 Litterio 6,5; Di Lullo 7 Ricamato 7 Pagliuca 7 Santoro 5,5 (84’ Gala sv); Gesuele 8 Saltarin 7 (81’ Perrotta sv). A disp: Vescio, Di Paolo, Catalano L., Lavorgna, Lisi, Pettrone. All. Donatelli

 Sambenedettese (4-3-3): Fulop 6; Viti 6,5 Vallorani 6 Fapperdue 6 Borghetti 6; Borgese 6 (57’ Baldinini 7,5) Franco 6 (57’ Cicchella 6) D’Angelo 6,5; Tozzi Borsoi 4,5 Ubaldi 6 Padovani 6 (68’ Di Paola 6). A disp: Cafagna, Botticini, Giannini, De Araujo, Galli. All. Mosconi

Arbitro: DE Santis di Lecce

 Reti: 40’, 47’Gesuele (OA), 63’ Di Lullo (OA), 73’, Baldinini (S), 77’ Borghetti (S), 79’ Baldinini (S)

Note: 1000 spettatori circa (250 da San Benedetto del Tronto). Ammoniti: Borgese, Santoro, Cicchella, Borghetti, Lucarino. Al 65’ espulso Tozzi Borsoi per fallo di reazione. Angoli: 6-10. Recupero: -;4.

Sei minuti di pura follia costano all’Agnonese i tre punti contro una big del girone F quale la Sambenedettese, seguita al ‘Civitelle’ da oltre 200 tifosi. Padroni di casa che per settanta minuti giocano un gran calcio, ma poi crollano nel finale. L’Agnonese sblocca il risultato al 40’, quando Saltarin ruba palla a centrocampo, si fa trenta metri palla al piede, entra in area e serve Ricamato che vede smarcato Gesuele il quale da due passi dalla linea di porta porta in vantaggio i suoi. Il raddoppio arriva due minuti dall’inizio di ripresa e porta ancora la firma di Felice Gesuele – nella foto -. L’attaccante, ex Spoleto capitalizza al meglio di testa un cross dalla destra di Pagliuca e a incrociare supera Fulop. Litterio e soci giocano e divertono e il tris arriva con un eurogol di Di Lullo al 63’. Corta respinta della difesa avversaria, palla al limite dell’area sul piede caldo del centrocampista che a volo batte Fulop all’incrocio dei pali. L’undici di Donatelli non sfrutta la superiorità numerica per via dell’espulsione di Tozzi Borsoi al 65’ e così regala alla  Samb il gol del 3 a 1 al neo entrato Baldinini (73′).  A questo punto i marchigiani iniziano a crederci e al 77’ Borghetti batte per la seconda volta Biasella sotto misura. Il black-out dei locali consente a Baldinini di firmare l’incredibile rimonta al 79′. Due minuti più tardi l’Olympia si risveglia con un colpo di testa di Saltarin, ma Fulop in tuffo compie un vero e proprio miracolo e salva il pareggio. Termina 3 a 3, ma se c’è una squadra che può recriminare per il risultato finale, quella è sicuramente l’Agnonese. Domenica prossima trasferta a Castelfidardo.

Coppa Italia, Agnonese fuori all’ultimo respiro

Il Campobasso supera il turno i granata in piena zona Cesarini 

 

L’Agnonese gioca, diverte, ma a passare il turno è il Campobasso. All’ultimo minuto di recupero, il neo entrato Dragone supera Vescio e regala la qualificazione ai rossoblù che domenica prossima affronteranno il Termoli nel secondo turno di Coppa Italia. Gli altomolisani recriminano per le tante occasioni da gol fallite sotto porta avversaria. In particolare due capitate, una per tempo, sui piedi dell’under Pagliuca che non è riuscito ad inquadrare il bersaglio grosso. Resta positiva la prova dell’undici di Donatelli che al gol di Miani, nei primi 45 minuti di gioco, reagisce con una magia a dieci minuti dal termine dell’attaccante Gesuele (nella foto), già in forma campionato. Al quinto minuto di recupero la beffa che estromette i granata dalla competizione tricolore.

CAMPOBASSO-O.AGNONESE 2-1

Campobasso: Conti, Di Gioacchino, Bernardi (82’ Dragone), Marinucci Palermo, Scudieri, Minadeo, Todino (74’ Fusaro), Fazio, Miani (63’ Lazzarini), Di Gennaro, Mauriello. A disp. Maggi, Aniello, Oddi, Palumbo, Monti, Santoro. All. Farina

Agnonese: Vescio, Natalini, Maresca, Di Lullo, Lucarino (46’ Pettrone), Lattarulo, Pagliuca, Ricamato, Gesuele, Saltarin (87’ Lavorgna), Carpenito. A disp. Biasella, Di Lollo, Perrotta, Gala, Litterio, Lisi, Di Paolo. All. Donatelli. 

Reti: 15′ Miani, 80′ Gesuele, 95′ Dragone 

Arbitro: Paterna di Teramo 

Note: spettatori 500 circa (150 da Agnone). Ammoniti Fazio, Marinucci Palermo, Fusaro, Dragone, Lattarulo, Gesuele, Pagliuca. Angoli 5-4. Recupero 0, 5. Nel settore ospite presente l’ex tecnico dell’Agnonese, Corrado Urbano. 

 

SICILIANO SI TOGLIE I SASSOLINI DALLE SCARPE

Maurizio d’Ottavio

Carlo Siciliano
“Il gol del pareggio? Lo dedico a me stesso”. E a chi, si potrebbe aggiungere provocatoriamente, in questa settimana lo ha pesantemente criticato dopo le ultime apparizioni. Carlo Siciliano, specialista in calci piazzati, è stato uno dei principali protagonisti del successo rimediato dall’Olympia contro la Recanatese. Dai suoi piedi sono partiti entrambi i gol che hanno regalato i primi tre punti ai granata in questa stagione. “Era un momento che aspettavo da tempo, ma credetemi, anche se non avessi segnato e l’Agnone avrebbe vinto, sarei stato felice ugualmente. Non importa chi fa gol – ripete il centrocampista partenopeo – l’importante è ottenere l’intera posta in palio e dopo quattro pareggi consecutivi finalmente ci siamo riusciti”. Poi alla domanda di quanto vale il successo contro i marchigiani, Siciliano replica: “Tantissimo sopratutto se consideriamo due aspetti: uno che riguarda il fatto di essere andati sotto ad inizio ripresa e l’altro che domenica prossima ci attende un derby durissimo a Trivento”. Ma è vero che non stava attraversando un buon momento sotto l’aspetto del rendimento? “Sì, è vero, ma grazie all’aiuto dei compagni, spero di aver superato definitivamente il problema”. Insomma, un gol e una vittoria per riabbracciare il vero Siciliano, tornato ad essere il faro di un centrocampo che con Galluppi e Di Lullo sembra aver trovato i giusti sincronismi.

Svolta Pifano – Dovrebbe sbloccarsi domani l’intrigata vicenda sul mancato tesseramento del difensore Pietro Pifano, che dopo aver rescisso consensualmente il contratto sottoscritto in estate con l’Olimpia Celano (Seconda divisione), è tornato in alto Molise. Per domani è atteso il pass da parte della Lega che gli permetterebbe di essere a disposizione per la gara contro il Trivento.

Ricorso – L’Olympia Agnonese nelle prossime ore potrebbe presentare un ricorso in merito alla gara disputata a Boiano. A quanto pare alla base della decisone la sospetta posizione di un giocatore bifernino che non avrebbe scontato un turno di squalifica rimediata nella passata stagione. Il giocatore in questione contro l’Agnonese è stato impiegato da mister D’Agostino.

Alleruzzo e Improta – Il Fondi (Seconda divisione) vola grazie a due ex agnonesi. La formazione laziale, infatti domenica ha espugnato il rettangolo di Milazzo grazie ai gol di Fabio Marzio Alleruzzo e Giancarlo Improta.

Maurizio d’Ottavio